• slide1
    slide1
  • 03
    03
  • slide2
    slide2
  • slide3
    slide3
  • 02
    02

Diagnosi e Terapia

LE CAUSE DEL MAL DI SCHIENA POSSONO ESSERE MOLTO DIVERSE:

 

SI CONSIGLIA:

 

ANALISI POSTURALE CLINICO-STRUMENTALE:

consiste nel determinare la diagnosi e il percorso terapeutico personalizzato per le patologie del sistema muscolo-scheletrico attraverso vari test kinesiologici e valutazioni cliniche. Posturologia è la Scienza medica che studia il funzionamento del Sistema Tonico-Posturale per la individuazione delle cause delle varie patologie o alterazioni funzionali. Questa valutazione è sia di tipo clinico che strumentale con apparecchiature specifiche. Ci sono test per valutare il ruolo del piede, test sull'equilibrio (recettore vestibolare), test sulla funzione visiva (recettore oculare); altri per vedere se ci sono interferenze occlusali, cioè provenienti dal sistema masticatorio (denti e mandibola); o cutaneo (ad esempio in presenza di cicatrici importanti); e per la valutazione dell'apparato muscolo-scheletrico. Il posturologo fa un bilancio funzionale globale del sistema posturale ed analitico dei singoli recettori, cercando la vera causa del dolore e quindi della disfunzione
Il posturologo può avvalersi di varie strumentazioni come la baropodometria e la stabilometria computerizzata:
Analisi baropodometrica consiste in una valutazione strumentale pressoria che serve a realizzare una rilevazione computerizzata del ciclo del passo del piede dando tutta una serie di parametri sull'esecuzione sia dell'appoggio del piede ma anche delle strutture soprastanti come ginocchio, anca, tronco.

Stabilometria computerizzata - Esame per valutare la postura, parametri di equilibrio, vale a dire la posizione che assumiamo nello spazio.

Risulta poi indispensabile la collaborazione del posturologo con, in base alle specifiche necessità per la terapia, i vari specialisti (osteopata, odontoiatra, visual trainer, omeopata, naturopata ecc.). Per approfondire

 

 

TRATTAMENTO OSTEOPATICO:

L'osteopatia è un metodo di valutazione e di trattamento che tratta varie patologie senza utilizzare farmaci, ma solo attraverso la medicina manuale. L’osteopatia comprende varie tecniche di manipolazione e si usa per trattare i meccanismi in disfunzione che impediscono alle varie parti del corpo di compiere le loro funzioni naturali, permettendo al corpo di rimuovere i disequilibri, le asimmetrie e i blocchi articolari ristabilendo cosi' una buona funzionalità ed efficienza dell'organismo. Sono pratiche manuali che, agendo in modo particolare sulle ossa, sui legamenti sulla struttura muscolare, tendono a ridare la giusta armonia alle varie parti del corpo: vengono ad esempio eseguite manovre come lo sblocco delle vertebre e lo stiramento dei vari gruppi muscolari, agendo in favore del sistema vegetativo e arrivando ad agire sulle diverse funzioni dell’organismo. Ciò che la medicina allopatica apporta grazie a sostanze chimiche (farmaci) per calmare, frenare o stimolare i sistemi di funzionamento umano, l'osteopatia tende ad ottenere tramite interventi manuali. Per approfondire

 

TERAPIA BITE

Spesso problematiche posturali con sintomatologia importante quali mal di testa, cervicalgie, vertigini, possono derivare da una malocclusione dentale; ma anche problematiche che interessano distretti più lontani come le vertebre lombari o addirittura i piedi, possono derivare da un problema della bocca; ecco che l'occlusione può essere causa e/o concausa di lombalgie e addirittura ernie del disco o dolori al ginocchio.
Un bite (dall'inglese "morso") risulta a volte necessario per ripristinare una cattiva funzionalità occlusale. Il bite è una piccola placca  di resina, di solito 1-2 millimetri, da posizionare preferibilmente all'arcata dentale inferiore, amovibile semplicemente, che non modifica in maniera permanente i denti e la loro disposizione, simulando una nuova dentatura perfetta.

Sono necessari alcuni controlli periodici per controllare la normale variazione posturale complessiva che l'uso del bite provoca.Per approfondire

RIABILITAZIONE NEURO-OCCLUSALE

La ricerca scientifica dimostra sempre di più quanto la nostra bocca sia in stretta relazione con problematiche dolorose e vari quadri clinici importanti quali le cervicalgie, cefalee, periartriti della spalla, lombalgie, ecc. La terapia non si limita ad allineare i denti, ma si prende in considerazione il fatto che i  denti fanno la parte di un sistema più complesso nel quale devono lavorare in armonia insieme ai muscoli, alle articolazioni temporo mandibolari, alla lingua.  Si dà maggior importanza non all'estetica (anche a questa in fase successiva), ma alla "funzione", intesa come capacità di masticare i cibi con movimenti mandibolari corretti e cicli di masticazione ripartiti a destra e a sinistra della bocca. Per approfondire

ORTESI PLANTARE PERSONALIZZATO

L’appoggio non corretto del piede incide negativamente sull’attività motoria ed induce il nostro corpo ad assumere un atteggiamento sbagliato, aumenta perciò la fatica e si determina un disarmonico sviluppo muscolare.
L’ortesi plantare è un dispositivo realizzato interamente su misura che, in generale,deve rispondere a più necessità: da un lato correggere e/o compensare una problematica e dall’altra essere ben tollerata dal paziente risultando perciò leggera e soprattutto capace di migliorare la qualità della nostra vita. Per approfondire

VISUAL TRAINER SISTEMA OCULOMOTORE

L’optometrista visual trainer non si limita a verificare un'eventuale difetto visivo, ma eseguendo una completa analisi visiva e ortottica è in grado di prescrivere il miglior sistema correttivo e di individuare un'efficace educazione visiva per combattere svariati problemi visivi e comportamentali che possono provocare squilibri posturali.
Il Visual Training è una ginnastica oculare dolce, specifica, che aiuta a mantenere una postura corretta, a leggere meglio, più velocemente, senza stancarsi e senza creare tensioni ai muscoli della testa, del collo, delle spalle e della schiena in generale; in particolare serve ad allenare e rinforzare i muscoli oculari che presentono disfunzioni funzionali dismetriche come l'ipoconvergenza, forie ecc.

OSTEOPATIA CRANIO-SACRALE

 

Il trattamento consiste nell’ascolto e nella normalizzazione del ritmo del sistema cranio-sacrale (cranio e bacino) attraverso lievi pressioni e trazioni così da rilasciare le tensioni all’interno del sistema posturale. Per approfondire

 

CONSULTO PER I PROBLEMI DI METABOLISMO, INTOSSICAZIONI, INTOLLERANZE ALIMENTARI

Una variazione significativa dell'equilibrio metabolico organico-nutrizionale può influenzare l'intero sistema tonico posturale. Problemi legati al colon, all'intestino tenue, ma anche al fegato per le relazioni di ordine neurovegetativo, ma anche muscolare (esistono correlazioni specifiche organo - muscolo) vanno a interagire in maniera significativa sul sistema tonico posturale.
Un'alterata funzionalità di metabolismo basale porta a facilità di ingrassare, ad intolleranze alimentari , a quadri patologici e sintomatologici correlati come cefalee o lombalgie provocate dal fatto che l'intestino è collegato al muscolo Meo psoas che ha inserzioni su tutta la colonna lombare. Per approfondire

TERAPIA MIOFUNZIONALE - LOGOPEDIA

La lingua svolge un ruolo fondamentale nel corretto sviluppo del sistema cranio-mandibolare (osso mascellare, mandibola, dentizione) e posturale. La deglutizione atipica delinea una condizione patologica in cui persiste la deglutizione infantile oltre il limite fisiologico (dopo lo svezzamento e dopo l’eruzione dei denti da latte).
La deglutizione atipica è legata alla persistenza nel tempo di movimenti disfunzionali della lingua, non necessariamente dovuti ad una patologia, ma di solito collegati a “cattive abitudini” del movimento e della postura; la lingua, costituita da circa 15 muscoli, è un importantissimo alteratore posturale in caso di disfunzioni. Per approfondire

ESAME FUNZIONALE DIAGNOSTICO BIOTEST

È un sistema non invasivo per effettuare diagnosi sullo stato funzionale bioelettrico dell'intero organismo. Il biotest misura vari segnali elettrici (tensioni, correnti, capacità, resistività...) presenti nel tessuto connettivo lasso in presenza ed assenza di stimoli e, con una originale tecnica di lettura a coordinate, ottiene  informazioni sullo stato funzionale di ogni parte dell'organismo.

Viene Applicata:

  • Nella localizzazione di eventuali blocchi funzionali, di infiammazioni e di eventi degenerativi acuti e cronici.
  • Nella valutazione del livello di tossine (monitoraggio eventi acuto-cronici) e del livello delle difese energetico– immunitarie…
  • Nell’identificazione delle possibili cause di malattie croniche
  • Nell’individuazione di focolai e campi di disturbo
  • Nella prevenzione e nel monitoraggio
  • Nel riconoscimento precoce di processi maligni
  • Nell’individuazione di stati dolorosi e di disturbi di origine incerta
  • Nel controllo dietetico attraverso i PH mesenchimale (bilanciamento acido-base)
  • Nel monitoraggio della disponibilità di ossigeno nel tessuto connettivo (valutazione della dissociazione elettrolitica)
  • Nel controllo terapeutico di trattamenti fisici e psichici
  • Nel riconoscimento di stati allergici ed intolleranze
  • Nell riconoscimento di disordini funzionali della colonna vertebrale

TERAPIA FUNZIONALE LENNOX

È un processore di segnali biologici in grado di eseguire terapie funzionali di Risonanza Elettromagnetica di tipo non invasivo. Alterazioni nell'attività elettrica dell'organismo, utile anche in terapia disintossicatoria.

L'efficacia delle terapie eseguite con il Lennox F 59 -TR si manifesta con:

  • il recupero della capacità funzionale;
  • il recupero o il bilanciamento dell'energia fisiologica;
  • la riattivazione e/o la normalizzazione delle difese immunitarie;
  • la riattivazione dei processi di regolazione elettrolitica;
  • il drenaggio elettrolitico, necessario in presenza di sovraccarico tossico;
  • la riduzione di processi da evento acuto o cronico;
  • l'abbassamento del grado di allergia od intolleranza (desensibilizzazione);
  • la riduzione di stati dolorosi di origine incerta;
  • l'abbassamento della tensione muscolare;
  • il recupero del sistema neurovegetativo;
  • l'abbassamento del livello di stress psicofisico.

fine FAQ