• slide1
    slide1
  • 03
    03
  • slide2
    slide2
  • slide3
    slide3
  • 02
    02

Consigli nutrizionali

 

 

Intolleranze alimentare


Qualsiasi disagio fisico e, anche mentale, può essere ricondotto a carenze nutrizionali, che determinano il cattivo funzionamento di quella macchina incredibilmente meravigliosa che è il nostro corpo.

In natura non esiste un alimento singolo, un alimento universale, una “Manna” , che soddisfi le complesse necessità nutrizionali dell’ organismo umano. Pertanto è importante assumere la più ampia varietà possibile di alimenti, al fine di compensare o integrare le carenze nutrizionali proprie, inevitabilmente, di ogni alimento.
Inoltre, ingerendo ripetutamente sempre gli stessi alimenti si rischia di accumulare sostanze estranee, quali conservanti o coloranti o additivi vari che in piccole quantità l’ organismo riesce a neutralizzare facilmente ed espellere, ma che in quantità più rilevanti potrebbero mettere in crisi il sistema di depurazione, di drenaggio, di escrezione e di “smaltimento rifiuti” dell’ organismo.
I sintomi potenzialmente causati da una intolleranza alimentare sono talmente vari e diffusi che la quasi totalità delle persone che soffre di qualche disturbo può essere potata a credere di essere intollerante a qualche alimento.
Infatti i sintomi possono essere intestinali, dermatologici, neurologici, dell’ apparato urinario, muscolo-scheletrico o respiratorio.

 

Alimentazione naturale

L’alimentazione naturale come regime di vita, impiego razionale e corretto degli alimenti. S’indaga sulla natura degli alimenti sulla loro composizione, su come vengono assimilati e quale funzione hanno in un organismo “sano” (effetto salutistico).
E’ una disciplina complessa perché deve tenere conto della reazione individuale nei confronti di un determinato cibo: “ciò che fa bene ad una persona può fare male ad un’altra!”, bisogna scoprire le ragioni profonde del comportamento fisiologico di ciascuna persona verso uno stesso alimento.La Nutrizione naturopatica, per essere applicata bene deve tenere conto della costituzione bio-tipologica, temperamento e della diatesi dell’individuo. Il nutrimento è fondamentale per lo sviluppo psico-fisico e spirituale

 

Riequilibrio alimentare

La sorgente primaria della vitalità è L’ALIMENTAZIONE ; i suoi errori procurano i disturbi fisiologici, le malattie, le alterazioni dell’anima. L’alimentazione ha dunque, una notevole influenza sull’organismo e sui meccanismi del sentimento e del pensiero.
Lo squilibrio psico-fisico ha una stessa radice: errate abitudine alimentari, modo di vivere disordinato, mancanza di equilibrio fra le attività fisiche,emotive e mentali.

 

L’uso di sostanze naturali

Il Naturopata fornisce suggerimenti sull’uso di sostanze naturali, di prodotti e integratori di libera vendità, olii essenziali, essenze floreali: di Bach, Australiane e altre, erbe e piante, oligo e gemmo derivati;

 

Le vitamine

Le vitamine sono sostanze organiche chimicamente molto diverse tra loro, senza un valore energetico proprio.
Esse, sono nutrienti essenziali, poiché non possono essere sintetizzate dall’organismo umano (salvo poche eccezioni); devono quindi essere introdotte dall’esterno con gli alimenti.
Le vitamine si distinguono in idrosolubili (vitamine del gruppo B e vitamina C) e liposolubili (vitamine A, D, E, K).
Le vitamine idrosolubili si trasformano nell’organismo nella loro forma attiva fisiologicamente, costituita dai “coenzimi”, che rappresentano i cofattori di molti sistemi enzimatici. Per il loro concorso nelle attività enzimatiche, le vitamine possono considerarsi dei catalizzatori organici, in grado di avviare le vie metaboliche e riequilibrare lo stato biologico cellulare.
Recenti acquisizioni scientifiche mettono in luce la proprietà di alcune vitamine del gruppo B come la B6, la B9 e la B12 nel ridurre i livelli ematici di omocisteina, una sostanza che deriva dal metabolismo della metionina e che è implicata in molte patologie cardiovascolari.
Inoltre, è molto importante il ruolo svolto dalle vitamine antiossidanti A, C ed E nella protezione della cellula dall’azione distruente dei radicali liberi e, quindi, nella prevenzione di molte patologie degenerative legate all’invecchiamento