• slide1
    slide1
  • 03
    03
  • slide2
    slide2
  • slide3
    slide3
  • 02
    02

Riabilitazione Neuro – Occlusale

RIABILITAZIONE NEURO OCCLUSALE (RNO)

 

 

La grande frequenza  di interventi per "raddrizzare" i denti, maggiore oggi rispetto al passato, nasce da una serie di motivi legati al tipo di regime alimentare   e di abitudini alimentari e non (allattamento sempre più frequente con il biberon e in seguito l’utilizzo di cibi morbidi, con poche fibre).

La nostra mandibola, dallo svezzamento in poi, si sviluppa grazie agli stimoli che vengono trasmessi da una masticazione ideale di cibi di normale consistenza che si realizza alternativamente sia sulla parte destra sia sulla sinistra delle arcate dentali. Una serie di impulsi nervosi partono dai tessuti che sostengono i nostri denti e danno il via alla crescita e allo sviluppo della mandibola. Parliamo della mandibola e non dell'arcata superiore, essendo "attaccata"  al cranio, cresce anche senza gli stimoli della masticazione, seguendo la crescita naturale del cranio, che a sua volta cresce per accogliere la crescita del cervello.

 

Ortodonzia e Riabilitazione Neuro Occlusale (RNO)  - non si limita ad allineare i denti, ma si prende in considerazione il fatto che i  denti fanno la parte di un sistema più complesso,  nel quale devono lavorare in armonia insieme ai muscoli, alle articolazioni temporo mandibolari, alla lingua.  Si dà maggior importanza non all'estetica (anche a questa in fase successiva), ma alla "funzione", intesa come capacità di masticare i cibi con movimenti mandibolari corretti e cicli di masticazione ripartiti a destra e a sinistra della bocca.

 

La RNO terapia migliora la stabilità in simmetria della bocca e del cranio, stabilizza l’assetto della testa, migliora i contatti occlusali, la funzione masticatoria, la morfologia occlusale e si lavora sulla funzione masticatoria.

 

Obiettivo terapeutico e di monitoraggio: è la maturazione neurologica dello schema masticatorio sia negli adulti che nei bambini per dare stabilità neurologica in simmetria all’assetto della testa.

 

E' una tecnica che si avvale dell'utilizzo di un apparecchio composto da due placche mobili (superiore ed inferiore) in resina, che ricoprono completamente la superficie occlusale dei denti e basano la loro funzione sulla presenza di piste laterali di scivolamento, atte a consentire la libertà della mandibola nei movimenti di lateralità destra e sinistra.

Con tale metodo si possono correggere:

  • disto e mesio occlusioni mandibolari
  • morsi incrociati ed inversi
  • riabilitazione ATM (Articolazione Temporo Mandibolare)