• slide1
    slide1
  • 03
    03
  • slide2
    slide2
  • slide3
    slide3
  • 02
    02

Diagnosi e Terapia

ANALISI POSTURALE CLINICO-STRUMENTALE

 

Consiste nel determinare la diagnosi e il percorso terapeutico personalizzato per le patologie del sistema muscolo-scheletrico attraverso vari test kinesiologici e valutazioni cliniche.
Il posturologo può avvalersi di varie strumentazioni come la baropodometria e la stabilometria computerizzata:
Analisi baropodometrica consiste in una valutazione strumentale pressoria che serve a realizzare una rilevazione computerizzata del ciclo del passo del piede dando tutta una serie di parametri sull'esecuzione sia dell'appoggio del piede ma anche delle strutture soprastanti come ginocchio, anca, tronco.
Stabilometria computerizzata - Esame per valutare la postura, parametri di equilibrio, vale a dire la posizione che assumiamo nello spazio.

 

TRATTAMENTO OSTEOPATICO

 

L'osteopatia è un metodo di valutazione e di trattamento che tratta varie patolgie senza utilizzare farmaci, ma solo attraverso la medicina manuale. L’osteopatia comprende varie tecniche di manipolazione e si usa per trattare i meccanismi in disfunzione che impediscono alle varie parti del corpo di compiere le loro funzioni naturali. L'osteopata usa le sue mani per la diagnosi ed il trattamento, ripristinando un ordine fisiologico naturale.

 

Quali sono le differenze tra l'osteopatia e la fisioterapia?

 

Sono in sostanza diversi campi d'azione perchè diverso è il percorso professionale svolto: in genere il fisioterapista agisce nel recupero funzionale mirato mentre l'osteopata interviene al ripristino generale dell'intero sistema osteoarticolare, viscerale, cranio-sacrale. Alcuni fisioterapisti utilizzano le loro mani per trattare i tessuti e le articolazioni del corpo, come fanno gli osteopati. Tuttavia, in fisioterapia si tende a concentrarsi sull'area dove si sono localizzati i sintomi, mentre gli osteopati cercano in tutto il corpo la causa di quei sintomi per risolvere il problema alla radice.
Risulta poi indispensabile la collaborazione del posturologo con, in base alle specifiche necessità per la terapia, i vari specialisti (osteopata, odontoiatra, visual trainer, omeopata, naturopata ecc.)

 

VALUTAZIONE GNATOLOGICA-OCCLUSALE

La ricerca scientifica dimostra sempre di più quanto la nostra bocca sia in stretta relazione con problematiche dolorose e vari quadri clinici importanti quali le cervicalgie, crampi notturni, cefalee, periartriti della spalla, lombalgie, ecc.

La visita gnatologica serve a capire se i fastidi accusati dal paziente sono in relazione con la malocclusione. Vi sono i sintomi posturali alla schiena che possono irradiarsi fino alle gambe. A causare questi sintomi (disfunzione cranio-mandibolare) sono spesso procedure odontoiatriche eseguite senza attenzione ai muscoli e alle articolazioni: semplici otturazioni, protesi fisse o mobili, ortodonzia (spostamento dei denti) fissa o mobile.
Le sindromi dolorose e funzionali che dipendono da un disordine cranio-mandibolare e conseguente malocclusione possono interessare non solo il sistema stomatognatico (denti, articolazione temporo-mandibolare, orecchie, testa etc) ma spesso anche la colonna vertebrale nei suoi tratti ( spalle, gomiti, polsi, anche, ginocchia, piedi etc.)

 

TERAPIA BITE


Spesso problematiche posturali con sintomatologia importante quali crampi notturni, dolori alla spalla, mal di schiena possono derivare da una malocclusione dentale; ma anche problematiche che interessano distretti più lontani come le vertebre lombari o addirittura i piedi, possono derivare da un problema della bocca; ecco che l'occlusione può essere causa e/o concausa di lombalgie e addirittura ernie del disco o dolori al ginocchio.
Un bite (dall'inglese "morso") risulta a volte necessario per ripristinare una cattiva funzionalità occlusale. Sono necessari alcuni controlli periodici per controllare la normale variazione posturale complessiva che l'uso del bite provoca.

 

ORTESI PLANTARE PERSONALIZZATO


L’appoggio non corretto del piede incide negativamente sull’attività motoria ed induce il nostro corpo ad assumere un atteggiamento sbagliato, aumenta perciò la fatica e si determina un disarmonico sviluppo muscolare.
L’ortesi plantare è un dispositivo realizzato interamente su misura che, in generale,deve rispondere a più necessità: da un lato correggere e/o compensare una problematica e dall’altra essere ben tollerata dal paziente risultando perciò leggera e soprattutto capace di migliorare la qualità della nostra vita .

 

CONSULTO PER I PROBLEMI DI METABOLISMO, INTOSSICAZIONI, INTOLLERANZE ALIMENTARI


Quando il quadro clinico- metabolico non è ottimale, viene ad alterarsi anche il quadro posturale; le principali ragioni sono dovute al fatto che anche il fattore chimico, al pari di quello strutturale e psicologico determina le "afferenze" neurorecettoriali per il sistema nervoso centrale che a sua volta provvede ai comandi motori, atteggiamenti posturali etc.
Una variazione significativa dell'equilibrio metabolico organico-nutrizionale influenzerà quindi l'intero sistema tonico posturale. Problemi legati al colon, all'intestino tenue, ma anche al fegato per le relazioni di ordine neurovegetativo, ma anche muscolare (esistono correlazioni specifiche organo - muscolo) vanno a interagire in maniera significativa sul sistema tonico posturale.
Un'alterata funzionalità di metabolismo basale porta a facilità di ingrassare, ad intolleranze alimentari , a quadri patologici e sintomatologici correlati come cefalee o lombalgie provocate dal fatto che l'intestino è collegato al muscolo Meo psoas che ha inserzioni su tutta la colonna lombare.
In questo modo è possibile stabilire quali cibi non devono essere assunti e per quanto tempo, suggerendo le possibili alternative per mantenere una dieta varia e completa.

 


fine FAQ