• slide1
    slide1
  • 03
    03
  • slide2
    slide2
  • slide3
    slide3
  • 02
    02

Traumi da Sport / Post Incidente

TRAUMI DA SPORT

 

 

Lo sportivo, per la ripetitività del gesto atletico, sia in allenamento che in gara, sottopone a sollecitazione le proprie strutture osteomuscolari esponendosi al rischio di produrre nel tempo patologie da sovraccarico funzionale. Per meglio comprendere il lavoro articolare di uno sportivo professionista, basti pensare che un nuotatore di elevato livello di qualificazione, durante una stagione agonistica di 10 mesi, tra allenamenti e gare esegue con l’arto superiore 1.000.000 di bracciate, con tutte le implicazioni che ciò può comportare sulle spalle.
Oltre a questo rischio l’atleta, soprattutto se inesperto o poco allenato, può eseguire il gesto atletico scorrettamente od in condizioni non ottimali creando i presupposti per danneggiare il proprio organismo. Le lesioni acute invece riconoscono un momento meccanico preciso (cadute o colpi diretti) che produce lesioni immediate dolorose e che impone la sospensione dell’attività.

 

Le lesioni possono quindi essere di due tipi:

  • da sovraccarico funzionale (sollecitazione articolare abnorme e/o eccessivamente ripetuta);

  • traumatiche (cadute o colpi diretti);

Nel nostro centro vengono trattati i traumi da sport, sia da sovraccarico funzionale, sia traumatiche, che possono verificarsi nella spalla, nel ginocchio, nella caviglia etc.

 

TRAUMI POST-INCIDENTE

La maggior parte delle lesioni è dovuta ai tamponamenti, che rappresentano il 30% degli incidenti stradali con lesioni ai conducenti nel 61% dei casi, passeggeri nel 30% e pedoni infine nel 9%.Pur essendo il sesso maschile prevalente le donne risultano maggiormente (40%) destinate a lesioni permanenti in ragione del minore sviluppo della massa muscolare del collo.
Per cervicalgia post-traumatica si intendono tutti i traumi del rachide cervicale conseguenti ad incidenti stradali.
Il colpo di frusta è un evento traumatico che interessa il rachide cervicale e l articolazione ATM (temporo – mandibolare) . Nella maggior parte dei casi insorge in seguito ad una brusco movimento del capo che supera i limiti fisiologici di escursione articolare.